Governo, Leu conferma il sì, per +Europa "oggetto misterioso"

Roma, 27 ago. (askanews) - Opinioni discordi dal gruppo misto di fronte al possibile nuovo governo M5S-Pd. "Abbiamo confermato al Presidente della Repubblica la disponibilità dei senatori di Leu e della maggioranza del gruppo misto a verificare la possibilità di dar vita a quel governo di svolta di cui il Paese ha bisogno. Non abbiamo esercitato né veti né pregiudiziali sui nomi". Così Loredana De Petris, presidente del Gruppo Misto del Senato, a nome di Liberi e Uguali uscendo dalle consultazioni sulla crisi di governo al Quirinale. Al suo fianco Pietro Grasso (LeU) e Riccardo Nencini (Psi). "A noi interessa il permetro programmatico della nuova maggioranza e non il risiko dei nomi" ha aggiunto De Petris, "questa per noi è condizione indispensabile".

Al suo fianco, Emma Bonino ha indicato che la posizione di + Europa è differente: "Noi di Più Europa non riteniamo con le condizioni date di poter garantire il sostegno a un governo di cui non conosciamo niente, un vero oggetto misterioso. Io non compro neanche in saldi a scatola chiusa, figuriamoci un governo. Ci dobbiamo riservare di esprimere un giudizio definitivo quando saranno più chiari gli obbiettivi e la composizione del governo" ha aggiunto la senatrice radicale.