Governo M5S-Pd non convince gli italiani

webinfo@adnkronos.com

Il patto tra M5S e Pd per il nuovo governo non convince gli italiani. Secondo l'ultimo sondaggio realizzato dall'Istituto Noto e pubblicato oggi sulle colonne di 'QN', il 44% degli intervistati vede negativamente la nascita di un governo giallorosso guidato da Giuseppe Conte. I favorevoli al voto, invece, sono il 41%. Quanto alla crisi innescata da Salvini ad agosto, per il 62% degli italiani l'intero ceto politico si è comportato da irresponsabile.  

Gli stessi intervistati, nel caso in cui non si riuscisse a formare un governo giallorosso chiedono nel 55% dei casi di andare a nuove elezioni. Quanto alle intenzioni di voto, se si tornasse alle urne, il Pd+M5S otterrebbe il 43% dei consensi mentre la somma del centrodestra toccherebbe quota 48,5%. La Lega perde 3 punti passando dal 38% al 35, pur rimanendo primo partito. Secondo il Pd, che perde un punto, mentre i 5Stelle dal 17% ottenuto a marzo 2018 salgono al 20%. 

C'è poi da rilevare il cosiddetto 'effetto Conte', ossia il gradimento del premier incaricato. Guardando l'indice di fiducia, il presidente Mattarella è al 55%, seguito da Conte al 46% e Salvini al 39%. Lo stesso leader leghista, inoltre, secondo il 58% degli italiani ha fatto male a far saltare il governo. Quanto al decreto sicurezza bis, infine, il 50% degli italiani vorrebbe rivederlo.