Governo: Marina Berlusconi, 'mio padre torna centrale, risarcimento per ingiustizie'

·2 minuto per la lettura
default featured image 3 1200x900
default featured image 3 1200x900

Milano, 15 lug. (Adnkronos) – Silvio Berlusconi torna centrale nella politica e a festeggiare non è solo la figlia Marina, intervistata da Il Giornale, ma anche "tanti italiani. Diciamo che Silvio Berlusconi è stato la vittima più illustre del populismo giustizialista che per anni ha intossicato l'Italia. Ma sono convinta che in molti oggi abbiano capito come l'incitamento all'odio contro mio padre sia stato dettato dal pregiudizio e dall'ostilità preconcetta di chi avversava le sue spinte al cambiamento. Perché il pensiero unico è un veleno, ammorba le vittime ma alla lunga anche gli avvelenatori".

Con i suoi governi, "mio padre ha fatto moltissimo. Avrebbe potuto fare ancora di più se solo un sistema malato non glielo avesse impedito, cercando di screditarlo in tutti i modi", aggiunge la manager che sottolinea come tra il padre e Draghi "c'è sintonia, e lo dimostrano anche molte delle scelte di questo governo. Il governo Draghi ha dato un colpo micidiale all'elogio dell'incompetenza e alla retorica dell'uno vale uno, e questo non posso che apprezzarlo. Ma credo che la grande maggioranza degli italiani la pensi come me. (…) Questo governo sembra in grado di far fronte alle peggiori emergenze".

Silvio Berlusconi oggi è al centro delle cronache per il tentativo di unificare il centrodestra. "Pensi che cosa accadrebbe se si arrivasse davvero alla creazione di una formazione unica di centrodestra…Credo che il risultato finale – spiega Marina Berlusconi – potrebbe essere ancora più ampio. L'unità del centrodestra spingerebbe anche la sinistra verso il modello federativo che non è mai riuscita a realizzare. Ancora una volta, mio padre punta a modernizzare il Paese, a far sì che sia governato nell'alternanza tra due forze stabili. Il riconoscimento del suo ruolo politico è un parzialissimo risarcimento morale. Anche se risarcirlo di tutte le ingiustizie che ha subìto, ahimé, è davvero impossibile".

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli