Governo, Napoli (Fi): tagliare la spesa per bloccare corsa tasse

Pol/Vlm

Roma, 25 set. (askanews) - "Il governo Conte prepara una tempesta di tasse, dalla culla alla tomba, senza risparmiare nessuno. Al punto da chiedersi se non sia cosa migliore far saltare le clausole di salvaguardia dell'Iva senza portarci dietro una zavorra che si gonfia di anno in anno. La sinistra "tassa e spendi" non ha cambiato verso: in corso la revoca della flat tax per le partite Iva fino a 65 mila euro". Lo dichiara in una nota Osvaldo Napoli, del direttivo di Forza Italia alla Camera.

"Il governo rossogiallo potrà godere di una certa flessibilità nei conti, come prima ne hanno goduto quello gialloverde e prima ancora i governi Gentiloni, Renzi e Letta. La questione è: come i governi italiani hanno impiegato i circa 50 miliardi di flessibilità accordati dalla Commissione europea? È presto detto: per mance elettorali. Dai bonus di Renzi al reddito di cittadinanza e a quota 100, gli ultimi governi hanno bruciato miliardi di euro per accontentare settori di elettorato, neanche un centesimo agli investimenti per creare lavoro, quello vero e buono. Mance, bonus, esenzioni fiscali tutto è stato fatto nel grande mercato del consenso politico. I tagli di spesa, penso per esempio agli oltre 100 miliardi di spese per "beni e servizi" nel bilancio dello Stato, sono finiti in soffitta", continua.

"Troppe clientele da accontentare, troppi interessi intoccabili cresciuti attorno alle mammelle della sposa pubblica. Il centrodestra deve candidarsi al governo del Paese ma se vuole essere credibile e davvero alternativo alla sinistra deve fare quello che nessun governo di sinistra sarà mai in grado di fare: tagliare la spesa pubblica perché è il solo modo virtuoso per tagliare stabilmente le tasse", conclude.