Governo, Orlando: ora ci sono le condizioni per fare di più

Pol/Arc

Roma, 27 gen. (askanews) - Il governo? "Ora ci sono le condizioni per fare di più e per fare cose che segnino maggiormente la discontinuità col governo precedente. Ad esempio abbandonare definitivamente impostazioni forcaiole e superare i decreti vergogna". A parlare è Andrea Orlando, vicepresidente del Pd, che oggi è stato ospite della trasmissione di Rai Radio1 Un Giorno da Pecora, condotta da Geppi Cucciari e Giorgio Lauro.

Intende modificare i decreti sicurezza oppure cancellarli definitivamente? "Mi interessa poco se l'uno o l'altro, l'importante è che non ci siano più norme palesemente contro la Costituzione, contro i trattati internazionali e contro, soprattutto, l'intelligenza". Vista la convincente vittoria, non crede che Stefano Bonaccini possa essere il nuovo segretario del Pd? "Io credo che ora Bonaccini abbia altro da fare e che un segretario noi ce l'abbiamo". Ha visto la foto postata da Nicola Zingaretti, che lo ritrae con i piedi sul tavolo in ufficio? "L'ho vista. Dà un messaggio di rilassatezza dopo la tensione, è la risposta al citofono...".

I Cinquestelle, vostri alleati di governo, sono crollati alle regionali: serve un rimpasto nell'esecutivo? "E' una cosa che devono decidere loro. Se potessi dargli un consiglio - ha concluso Orlando a Un Giorno da Pecora - gli direi di abbandonare la propaganda e di tagliare davvero le 'nostalgie' di Salvini, per chi ce l'ha, facendo funzionare al meglio questo governo".