**Governo: P.Chigi, 549 provvedimenti 'smaltiti' da insediamento Draghi**

·1 minuto per la lettura
default featured image 3 1200x900
default featured image 3 1200x900

Roma, 10 nov. (Adnkronos) – "Sono 549 i provvedimenti “smaltiti” dal governo Draghi dalla data del suo insediamento fino al 31 ottobre 2021. Il dato emerge dalla relazione sullo stato di attuazione del programma di governo presentata oggi in Cdm dal sottosegretario alla presidenza, Roberto Garofoli", informa Palazzo Chigi.

"Il periodo bimestre settembre-ottobre è stato contrassegnato da una straordinaria performance con un complesso dei provvedimenti 'smaltiti' che ha raggiunto quota 199. In particolare sono stati adottati 175 provvedimenti attuativi (103 provvedimenti nel mese di settembre e 72 nel mese di ottobre). Ai 175 provvedimenti adottati vanno aggiunti ulteriori 24 provvedimenti abrogati espressamente o implicitamente (9 nel mese di settembre e 15 nel mese di ottobre). Per quanto riguarda il solo mese di settembre si segnala che si tratta di dati mensili mai registrati durante la XVII e la XVIII Legislatura".

"Ciò nonostante, il risultato di 199 provvedimenti è pari al 76,2% dell’ambizioso obiettivo/target di 261 provvedimenti complessivamente assegnati alle Amministrazioni per il bimestre considerato (141 nel mese di settembre e 120 nel mese di ottobre). In particolare, dopo l’eccellente risultato di settembre (112 provvedimenti 'smaltiti'), ad ottobre si è, quindi, registrata una flessione (87 provvedimenti 'smaltiti'), anche dovuta all’enorme impegno di tutte le Amministrazioni nella preparazione, tra gli altri, del disegno di Legge di Bilancio, del decreto legge per l’attuazione del Piano Nazionale di ripresa e resilienza (Pnrr), del disegno di legge annuale per il mercato e per la concorrenza e del disegno di legge delega in materia di disabilità".

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli