Governo, Parrini (Pd): su taglio parlamentari Salvini imbroglione

Bac

Roma, 13 ago. (askanews) - "Ritrovatosi alle corde, e in preda alla classica disperazione da prepotenza respinta, Salvini tenta per l'ennesima volta di imbrogliare Di Maio e i Cinque Stelle e l'opinione pubblica tutta con una proposta-truffa sulla riduzione del numero dei parlamentari. Dire che se la legge passa in quarta lettura alla Camera si può andare subito al voto è un raggiro". Lo afferma in una nota il senatore del Pd, dario Parrini.

"Non essendoci stati i due terzi di sì nel voto in terza lettura del Senato, è scontato, per Costituzione, che si apra il periodo per raccogliere le firme per sottoporre la riforma a referendum, e, se le firme vengono raccolte, che si proceda successivamente - aggiunge - alla indizione e allo svolgimento del referendum confermativo. Solo dopo il referendum, che non potrà avere luogo prima della primavera 2020, sarebbe decretabile lo scioglimento delle camere e si potrebbero eventualmente tenere nuove elezioni. E se anche non si tenesse il referendum, eventualità assai remota, comunque non si potrebbero tenere nuove elezioni prima di marzo 2020. Insomma, il Gradasso è anche un Imbroglione".