Governo Pd-M5s, al Nazareno pronti i tavoli per discutere dei dossier

sede-nazareno-pd

Continuano le trattative per la formazione di un governo tra Pd e M5s. Alla sede dem del Nazareno sono infatti già stati allestiti i tavoli su cui gli esponenti del Partito Democratico siederanno per lavorare ai dossier da presentare ai pentastellati. Malgrado negli ultimi giorni ci siano stati alcuni screzi tra i due probabili futuri alleati di maggioranza, l’eventualità di un governo giallorosso si sta facendo sempre più concreta. A confermare ciò, anche i preparativi che fervono alla sede romana del Pd.

Governo Pd-M5s al Nazareno

Come mostrano alcune fotografie pubblicate sull’Huffington Post, presso la sede di largo del Nazareno sono già stati allestiti i tavoli per i lavori sulla proposta di governo. Lavori che partiranno ufficialmente nel pomeriggio di domenica 25. Stando poi a quanto specificato dallo stesso Pd sulla sua pagina Facebook: ” I tavoli saranno sei e verranno coordinati dai membri della segreteria con la partecipazione dei capigruppo del Partito Democratico nelle rispettive commissioni di Camera e Senato”.

I sei tavoli saranno suddivisi per aree tematiche e verteranno sui principali punti dell’eventuale programma di governo. Essi sono: il tavolo sulle Regole, il tavolo sull’Europa, il tavolo sullo Sviluppo sostenibile, il tavolo sull’Economia, il tavolo su Lavoro e Welfare e il tavolo su Sapere e Ricerca.

Le parole del dem Andrea Martella

Attraverso una nota ufficiale è intervenuto nella giornata del 24 agosto anche il coordinatore naizonale della segreteria Pd Andrea Martella. Martella ha dichiarato: ““Prosegue il lavoro sulla definizione degli obiettivi programmatici, dalle istituzioni all’economia, dal welfare allo sviluppo sostenibile”. Per l’esponente dem, i temi trattati nei dossier verteranno sulle: “Priorità fissate nel documento approvato dalla direzione nazionale del partito all’unanimità, che ha dato mandato al segretario Zingaretti di verificare le condizioni per la nascita di un esecutivo di legislatura”.