Governo, Pd: no a crisi, approvare Recovery e poi patto legislatura

Red
·1 minuto per la lettura
Image from askanews web site
Image from askanews web site

Roma, 12 gen. (askanews) - Il Pd ribadisce la sua "contrarietà all'apertura di una crisi" di governo e chiede di approvare la bozza di Recovery Plan e "da domani" di lavorare al patto di legislatura. È quanto si legge in una nota diffusa al termine di una riunione che si è svolta da remoto tra il segretario Nicola Zingaretti, il capodelegazione Dario Franceschini, il vicesegretario Andrea Orlando e i capigruppo di Camera e Senato, Graziano Delrio e Andrea Marcucci.

A giudizio del Pd "ci sono molte cose da fare per il bene dell'Italia di fronte alla crisi sanitaria, economica e sociale e alla domanda di sicurezza che viene dal Paese. L'urgenza è quella di dare risposte concrete per la rinascita italiana" e "questa maggioranza può farlo".

Peri Dem "la via maestra per servire l'Italia è approvare la bozza del Recovery Plan modificata con il contributo delle forze politiche, avviare il percorso parlamentare e impegnarsi per attivare in fretta le misure per il rilancio, l'economia, il lavoro". Poi "subito, da domani, su proposta del Presidente Conte si discuta e si approvi il patto di legislatura per affrontare i problemi aperti e per rilanciare l'azione di Governo. Questa è una scelta di responsabilità e innovazione che deve spingere tutti a ritrovare il coraggio del dialogo e della collaborazione per il bene comune". Dunque "confermiamo la nostra contrarietà all'apertura di una crisi che ora, tra l'altro, impedirebbe l'approvazione del decreto ristori e gli aiuti per tanti italiani, per tante imprese e piccole attività in difficoltà".