Governo: per Draghi fiducia numero 35, 3,2 al mese, battuto record Monti/Adnkronos

·1 minuto per la lettura
default featured image 3 1200x900
default featured image 3 1200x900

Roma, 28 dic. (Adnkronos) – Con la fiducia chiesta alla Camera sulla legge di Bilancio, il Governo di Mario Draghi raggiunge quota 35 in quasi undici mesi. Senza contare quella posta all'atto dell'insediamento nei due rami del Parlamento e considerando che i lavori parlamentari riprenderanno l'11 gennaio, la media per l'attuale esecutivo è di quasi 3,2 voti al mese, un record che supera quello di Mario Monti, che era ad una media di 3 al mese, in un raffronto basato sulle ultime tre legislature.

Dopo i 262 sì, i 40 no e i due astenuti e i 535 sì, i 56 no e i 5 astenuti, con i quali l'attuale premier e i suoi ministri ottennero la fiducia, rispettivamente, al Senato il 17 febbraio e alla Camera il giorno dopo, le Assemblee di Palazzo Madama e Montecitorio sono state chiamate come detto in altre 35 occasioni a rinnovare il proprio consenso su provvedimenti di iniziativa governativa, sempre su decreti legge fatta eccezione per i disegni di legge di riforma della giustizia penale e civile.

Nelle prime due occasioni è stata la volta del Senato su testi ereditati dal precedente Governo: il decreto milleproroghe (25 febbraio, 222 favorevoli, 23 contrari, 7 astenuti) e il decreto sulla riforma del Coni (10 marzo, 214 a favore, 32 contro, 4 astenuti).

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli