Governo, De Petris (Leu): Italia ostaggio di beghe e sceneggiate

Pol-Afe

Roma, 19 lug. (askanews) - "L'Italia non può continuare a essere ostaggio delle bizze, delle sceneggiate e delle beghe coniugali di due vicepremier che a tutto pensano tranne che agli interessi del Paese che fingono di governare". Lo dichiara la senatrice di Leu Loredana De Petris, presidente del gruppo Misto.

"Le rotture minacciate ogni giorno e le altrettanto effimere riconciliazioni servono solo a distogliere l'attenzione dall'incapacità dell'intero governo e dai guai del ministro Salvini, che tra finte risse e fughe dal Parlamento fa il possibile per evitare che sotto i riflettori restino i suoi legami ambigui con la Russia di Putin", prosegue la senatrice di Leu.

"La cosa più grave - conclude la presidente De Petris - è che tutto, le minacce di crisi, le richieste di rimpasto, le trattative sui singoli provvedimenti, avviene solo sui social e sui giornali. Mai nella sede propria, cioè in un Parlamento per il quale entrambi i partiti della maggioranza esprimono solo disprezzo e che non tengono evidentemente in alcun conto".