Governo:possibile voto aula Senato su tempi mozione sfiducia Conte

Lsa

Roma, 12 ago. (askanews) - Oggi alle 16 la conferenza dei capigruppo del Senato dovrà decidere sui tempi della calendarizzazione della crisi, in concreto sui tempi di votazione in aula della mozione di sfiducia al presidente del Consiglio, Giuseppe Conte, presentata dalla Lega. Il Pd potrebbe anche chiedere che sia messa ai voti la sua mozione di sfiducia gia presenata nei confronti del Ministro dell'Interno Matteo Salvini, ma questo sarà stabilito nell'assemblea dei senatori dem convocata sempre per oggi alle 15.

Se, come sembra probabile, il nuovo calendario dei lavori dell'aula non dovesse essere approvato all'unanimità dalla conferenza dei capigruppo, il presidente del Senato Elisabetta Casellati, secondo quanto prevede il regolamento, porterà la proposta di calendarizzazione emersa dalla capigruppo al voto dell'aula.

In base alla consistenza dei gruppi, non sarebbero sufficienti i voti di Lega (58 senatori), Fratelli d'Italia (18) e Forza Italia (62) per far passare la proposta del Caroccio sui tempi di votazione della mozione di sfiducia a Conte. Complessivamente 138 voti, mentre il M5s (107 senatori) e il Pd (51) potrebbero esprimere 158 voti contro. Resta da capire come si esprimeranno le autonomie (8 senatori) e il gruppo misto (15). Questo il possibile risultato sulla carta, immaginando che i senatori siano tutti presenti. Circostanza poco probabile, dato il periodo di ferragosto e la difficoltà che diversi senatori, magari già in vacanza all'estero per la pausa estiva, potrebbero incontrare per rientrare in tempo.