Governo: Quagliariello, 'metodo Draghi non finisca con legislatura'

·1 minuto per la lettura
default featured image 3 1200x900
default featured image 3 1200x900

Roma, 9 set. (Adnkronos) – "Ci vuole un sano bagno di realismo. Quando si chiuderà l’ombrello che ci ha aiutato a parare le conseguenze della crisi causata dal Covid, l’Italia non si troverà in una situazione facile. Abbiamo preso tanti soldi in prestito che dovremo restituire”. Lo ha detto il senatore Gaetano Quagliariello, vicepresidente nazionale di ‘Coraggio Italia’, intervenendo a un dibattito sulle riforme alla Festa nazionale dell’Unità a Bologna.

“Per questo – ha affermato Quagliariello – credo che alcune delle forze che credono nell’esperienza di questo governo dovrebbero trovare il modo di prolungare la sua essenza, lo spirito della sua azione, anche oltre i confini di questa legislatura. Ha poco senso continuare a discutere sul fatto che Draghi debba restare fino al 2022 o al 2023, perché il 2023 è in ogni caso vicinissimo".

"E dopo che si fa? Non parlo ovviamente di formula politica: il mio auspicio – ha aggiunto il vicepresidente di ‘Coraggio Italia’ – è che coalizioni coese e identitarie possano ricompattarsi, superando le difficoltà nelle quali tutte, a cominciare da quella alla quale io appartengo con entrambi i piedi, evidentemente si trovano. Ma lo spirito e il metodo che ispirano l’esperienza Draghi – ha concluso – meritano di essere preservati e proiettati oltre la legislatura”.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli