Governo, Renzi: ora la mia priorità è fare partito "no tax"

Pol/Gal

Roma, 6 nov. (askanews) - "Io sono come Jessica Rabbit, non sono cattivo, mi disegnano così. A chi interessa a chi accadrà il giorno dopo delle elezioni in Emilia-Romagna, in Calabria o in Toscana? Chiederei agli ascoltatori se gli interessa sapere chi saranno i Consiglieri regionali in Emilia-Romagna o sapere se riusciamo ad eliminare quella follia della tassa sulle auto aziendali". Così Matteo Renzi, leader di Italia Viva a Rtl102,5 risponde a proposito delle conseguenze sul governo di una sconfitta alle regionali.

"Io penso che il 95% degli italiani risponderebbe che gli interessa che non mettano una tassa per chi guadagna 25000 euro l'anno e poi deve pagare 1000 euro per avere una Punto. A me sta a cuore l'evitare che il governo aumenti le tasse - chiarisce -. Abbiamo fatto la battaglia sull'IVA, ci han preso per matti, e l'abbiamo tolta, abbiamo fatto la battaglia sulla tassa sui cellulari e abbiamo tolto anche quella, adesso sulle auto aziendali e sembra - lo riportano anche i giornali stamattina - che abbiano tolto anche quella lì. A me adesso interessa cercare, per quanto possibile, di fare una cosa che, forse non interessa molto all'opinione pubblica: ridurre il costo degli interessi sul debito. Tutto ciò che avverrà in Emilia-Romagna, in Calabria, in Toscana, in Liguria, lo vedremo a tempo debito, ora la priorità è fare un partito 'No Tax'".