Governo: resta alla Cultura il politico-scrittore Franceschini

·1 minuto per la lettura
Governo: resta alla Cultura il politico-scrittore Franceschini
Governo: resta alla Cultura il politico-scrittore Franceschini

Roma, 12 feb. (Adnkronos) – Dario Franceschini, politico e scrittore, è di Ferrara, dove è nato il 19 ottobre 1958. E' stato ministro della Cultura nei governi Renzi e Gentiloni, era il ministro uscente dell'esecutivo Conte. E sarà nella squadra di Draghi nella stessa casella.

Franceschini ha ricoperto più volte incarichi di governo: tra il '99 e il 2001 è stato sottosegretario alla presidenza del Consiglio dei ministri nei governi D'Alema II e Amato II; tra il 2013 e il 2014 è stato ministro per i Rapporti con il Parlamento del governo Letta. In Parlamento, è stato capogruppo dell'Ulivo alla Camera dal 2006 al 2008 e, dal 2009 al 2013, del Partito democratico sempre a Montecitorio. E' stato segretario del Pd nel 2009, dopo le dimissioni di Walter Veltroni. Franceschini ha pubblicato cinque romanzi tra cui 'Nelle vene quell’acqua d’argento' e 'Daccapo' tradotti in Francia. Nel Pd è punto di riferimento della componente Areadem.