Governo, Rotondi: crisi o no resto alternativo a Salvini

Pol/Vep

Roma, 16 ago. (askanews) - "La crisi la seguo dal lido Miramare di Pineto, che è meglio del Papeete. Crisi o non crisi, governo o elezioni, la mia linea è la stessa: mi sento alternativo a Salvini, al suo estremismo demagogico, e la mia scelta è nel solco del Ppe che ha sempre rifiutato alleanze con la Le Pen e con ogni destra estrema". Così Gianfranco Rotondi,presidente della fondazione Dc e vicepresidente del gruppo Fi alla Camera commenta l'andamento della crisi di governo.

"Se si formerà un governo di solidarietà nazionale, ritengo che Fi debba sostenerlo. Se si andrà al voto, ritengo che vada costruita una grande lista civica nazionale intorno al candidato premier che sfiderà Salvini. Bisognerà puntare su una figura di cultura liberale, Cristiana ma non clericale, moderata ma capace di sintesi programmatiche con le istanze riformiste".