Governo, Salvini: da deputato Lega 'toni sbagliati' su Mattarella

Fco

Roma, 15 set. (askanews) - Quelli usati dal deputato veneto del Carroccio Vito Comencini, che a Pontida si è spinto ad affermare che il presidente della Repubblica Sergio Mattarella gli 'fa schifo', "sono toni sicuramente sbagliati". Lo ammette il leader della Lega, Matteo Salvini, che però puntualizza in un'intervista al Corriere della Sera che la "maggioranza degli italiani si sente tradita e presa in giro".

"Sono toni sicuramente sbagliati", spiega l'ex ministro degli Interni rispondendo a una domanda, "Però, sento decine di persone che chiedono 'ma perché non si vota?'. Sono assolutamente convinto che si debba mantenere il rispetto, ma è anche chiaro che la maggioranza degli italiani si sente tradita e presa in giro. Siamo sempre lì: perché il Pd è al governo? A una persona normale questa sembra una follia".

Salvini racconta che "da ormai diversi mesi" si era reso conto della prospettiva di un cambio di maggioranza. "Ad aprile, direi", prosegue, "Nel leggere le dichiarazioni dei 5 stelle che ci davano dei ladri, dei mafiosi, dei tangentari e pure degli omofobi". Si fosse andati a votare a maggio, quelle esternazioni potevano essere attribuite alla campagna elettorale. "Ho capito", replica il leader della Lega, "ma se sei alleato con qualcuno non gli dai del mafioso e del fascista quattro o cinque volte al giorno. E poi, tutto che si fermava, il nulla di fatto sull'autonomia fino all'alleanza con il Pd sull'elezione del vicepresidente del Parlamento europeo". (Segue)