Governo Draghi, Salvini: "Da Lega nessun nome"

webinfo@adnkronos.com (Web Info)
·1 minuto per la lettura

Nessun nome per il governo Draghi dalla Lega. "Non vediamo l’ora di lavorare, le priorità della Lega non sono i ministeri ma scuola, lavoro e lotta a Covid", spiega Matteo Salvini parlando con i giornalisti di fronte al Senato. "Non abbiamo indicato nulla - dice ancora ,- nessuna rosa di nomi, nessun foglietto allungato a Draghi, ma vogliamo cominciare, è un mese che l'attività è ferma per la crisi".

Per quanto riguarda il 'no' di Meloni e Fratelli d'Italia al nuovo esecutivo, "rispetto le scelte di Giorgia, non ho niente da insegnare a nessuno, io ho messo gli interessi degli italiani davanti agli interessi del mio partito. Dopo un anno di tragedia, di pandemia, di disoccupazione, voglio dare il mio contributo".

"Lasciamo perdere i litigi, le ideologie, gli steccati ideologici e lavoriamo su tre priorità: salute, lavoro e ritorno alla vita", aveva detto stamattina, ospite di Mattino 5. Al premier incaricato, ha spiegato il leader della Lega, "noi abbiamo parlato alla luce de sole delle esigenze degli italiani, abbiamo detto che prima del partito viene l'interesse del Paese. Abbiamo sentito risposte che ci hanno confortato".

"Sui temi divisivi, si passa ad altro. Sulla tutela dei posti di lavoro, l'aiuto vero alle aziende, uno strumento unico di Cassa integrazione dovrebbero essere tutti d'accordo", ha spiegato ancora, passando poi a parlare del futuro ministero della Transizione ecologica e del M5S: "Grillo parla di ambiente dal salotto di casa sua, la tutela dell'ambiente è sacrosanta ma va collegata allo sviluppo, alla crescita dell'Italia, per le opere pubbliche". Il ministero "è una buona idea, ma non con pregiudizio. Se metti al ministero uno che dice no a tutto...", ha poi sottolineato.