Governo: sondaggio, per il 42% vero cambiamento politico, effetto Letta e Conte (2)

·1 minuto per la lettura
default featured image 3 1200x900
default featured image 3 1200x900

(Adnkronos) – (Adnkronos) – Il 23% degli intervistati, però, risponde in un altro modo: sostiene che Draghi non è il risultato della “media politica” di quel che c’è, ma è un leader politico del tutto nuovo, con una sua identità specifica, distintiva. Sono pochi perciò quelli che lo avvicinano “tout court” a un singolo partito: il 17% lo vede vicino al Pd e il 16% lo vede vicino a Forza Italia; solo il 3% lo vede vicino ai partiti centristi o alla Lega, e solo l’1% vicino al Movimento 5 stelle.

Il 38% ne vede un’ispirazione di centro-destra; il 21% un’aspirazione di centro-sinistra, ma la maggioranza relativa , 42%, ne vede un’ispirazione liberal-democratica (o riformista). Secondo l'inchiesta, inoltre c'è un “effetto Letta”: in pochi giorni il Pd conquista 3 punti percentuali arrivando al 18,3% e, ancora più significativamente, ritorna al secondo posto, dopo esser stato scavalcato dal Movimento 5 stelle (che torna al quarto posto con il 17,2%) e da Fratelli d’Italia (terzo al 18%). Al primo posto resta la Lega con il 23%.

C'è anche un “effetto Conte”, che si è registrato nelle settimane scorse, ma che oggi appare stemperato, tanto che, pur giudicando il 24% degli elettori un fatto positivo che Conte assuma la leadership del Movimento (evento negativo solo per il 5%), non gli impedisce di registrare una caduta delle preferenze.