Governo: Text analysis rivela, in discorso Draghi al centro gli italiani ma non i partiti

default featured image 3 1200x900
default featured image 3 1200x900

Roma, 20 lug. – (Adnkronos) – 3008 parole e 15 frasi, con oltre 600 aggettivi. Sono i numeri del discorso di questa mattina di Mario Draghi al Senato che Baia, business unit specializzata in intelligenza artificiale di United Risk Management, ha analizzato con il suo strumento di Text Network Analysis. E dall'esame – che permette di capire da un punto di vista matematico e misurabile i vocaboli principali attorno a cui ruota il testo, trasformando ogni testo in un grafo – sono emerse le parole centrali del discorso del Presidente del Consiglio: 'riforma', 'Italia', 'Parlamento', 'Ucraina', e 'maggioranza', ma anche 'bisogno' e 'sicurezza'.

Interessante che la parola 'partiti', nominata due volte nel discorso, non compare nel grafo perché poco significativa. Al contrario, il termine 'Parlamento', nominato 8 volte nel discorso, risulta connesso ai vocaboli 'riforma'; 'sostegno' e 'maggioranza'. La parola 'Italia', centrale anch’essa nel discorso, viene utilizzata assieme ai vocaboli 'bisogno' ed 'emergenze'; mentre 'italiani' è connesso a 'chiesto' ('perché e solo perché gli italiani lo hanno chiesto'), 'sostenuto' e a 'grazie'.

La text network analysis divide poi il discorso in cluster: sottogruppi di parole più legate tra loro. Non stupisce – osserva Baia – allora che il termine 'italiani' compaia in un cluster assieme ai termini 'crisi', 'urgenza', 'Lavoro', 'lotta': "Ciò che il Presidente vuole raccontare è che gli italiani hanno chiesto al Governo di rispondere oggi a queste emergenze, un compito di fronte al quale non ci si può tirare indietro" conclude l'analisi della business unit.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli