Governo, Toti: non si capisce quali siano le priorità dei partiti

Pol/Bac

Roma, 21 ago. (askanews) - "Chi sta con chi, ma soprattuto per fare cosa? Mentre sono partite le consultazioni del presidente Mattarella non ho ancora capito quali siano le priorità dei partiti che dialogano per fare il nuovo Governo". Lo scrive il presidente Giovanni Toti sulla sua pagina Facebook.

"Sgomberato il campo dal politichese - aggiunge - che si fa con: Gronda autostradale di Genova, Pedemontane delle regioni del nord, Autonomia differenziata delle Regioni, ripristino delle Province visto che le strade dell'entroterra sono tutte una buca? E ancora: politica energetica, impianti per lo smaltimento dei rifiuti, un nuovo piano che integri il reddito di cittadinanza con la formazione professionale, i medici da assumere negli ospedali, visto che non esiste ancora un accordo tra Stato e Regioni sul budget sanitario del Paese, costo del lavoro? Potrei andare avanti, intanto l'Italia cresce dello 0,1%. Serve un altro passo se vogliamo dare una scossa al Paese".

"Allora mentre c'è chi si diverte a giocare al piccolo chimico per far nascere Governi da laboratorio, noi lavoriamo per mettere insieme una squadra seria di amministratori e persone capaci che vogliano davvero cambiare la politica e l'Italia. Senza slogan urlati, senza ricette miracolose, senza retorica da piazza. Con competenza, serietà, idee, progetti, lavoro e impegno. E appena torneremo al voto CAMBIAMO insieme la storia del nostro Paese. Ci volete dare una mano? Scriveteci a comitatocambiamo@gmail.com. Abbiamo bisogno dell'aiuto di tutti", conclude.