Governo: Tripodi (Lega), 'Zingaretti è segretario di Renzi che esegue inciucio come nel Lazio'

webinfo@adnkronos.com

di Roberta Lanzara 

"Il segretario di Renzi, cioè Zingaretti, sta eseguendo quello che Renzi ha detto di fare fin dall'inizio: un inciucio tra Conte e 5 Stelle, perchè Conte avrà il mandato. E suona strano che in questi 18 mesi, nel Lazio, Zingaretti abbia fatto esattamente lo stesso, con accordi con i grillini, come da ultimo quello sul compostaggio dei rifiuti, che gridano vendetta e che mettono in discussione la compattezza dei 5s, perchè fortunatamente non sono sottoscritti da tutti". A dirlo all'Adnkronos è il consigliere regionale del Lazio, Orlando Tripodi (Lega), commentando l'odg proposto oggi in Direzione Dem dal segretario del Pd e governatore del Lazio Nicola Zingaretti, approvato all'unanimità sulla crisi di governo.  

"Le linee guida dell'odg di Zingaretti sono molto generali e vaghe - spiega Tripodi - Ha detto tutto e detto niente. Non ha parlato concretamente di punti cardine: di economia nazionale, di apertura al mondo civico e civile, della riduzione dei parlamentari, di diritto allo studio - elenca - Ha tirato semplicemente la volata a quello che dice Renzi. Quali sono i 5 punti? Io non li ho capiti. Parla di condizioni generali senza entrare in merito a nulla". 

Zingaretti, secondo il consigliere regionale, "ripropone solo un'esperienza paralizzata di inciucio politico fallimentare, già vissuta da noi nella regione Lazio: sanità distrutta, ciclo rifiuti che non esiste, mondo agricolo fermo, fondi europei usati con bandi capestri". "Ed intanto nomine - denuncia Tripodi - di gente che sta in giudizio incaricata a dirigente Asl, dei nullafacenti del Pd che devono essere inseriti in ambito politico per dare risposte a chi ha sostenuto il Governatore per diventare segretario ed avere sostegno e consenso diffuso interno al partito. Incarichi - incalza - dati non per semplificare e che hanno trasformato la Regione in un postificio dei Dem". 

"La realtà - constata il consigliere - è che Zingaretti propone un modello concordato con Conte e Di Maio, finalizzato ad una battaglia unica contro la Lega, chiaramente dichiarata con la nomina di David Sassoli alla guida del Parlamento europeo ma che ha origine prima, con un inciucio più lontano precedente alle elezioni europee".  

"Così - rimarca Tripodi - scientemente i cinque stelle hanno poi bloccato i lavori che si dovevano portare avanti. Ma noi siamo uomini che parliamo per strada e sarà il popolo italiano a decidere se la nostra è una azione giusta. Gli si rivolterà tutto contro".  

Il discorso di Conte? "Ridicolo. Il premier avrebbe dovuto parlare del 'non fatto' dalla Lega, invece ha parlato del nulla. Ha ripetuto Di Maio e Renzi. E' stato un gioco sporco. Io critico l'azione che non c'è. Lui è il primo che potrebbe essere fatto fuori".