GovernoRoano(Pd): se di svolta servono nuovi programma e figure

Red/lsa

Roma, 1 set. (askanews) - "L'atteggiamento di Di Maio sembra un diktat rivolto più a Conte che al Pd. Il Pd non ha posto alcun veto su Di Maio, ma se deve essere un governo di svolta, non ci può chiedere un governo con stesso premier, vicepremier e programma del precedente, l'Italia non capirebbe". Così, il deputato livornese del Pd, Andrea Romano, in una intervista al Corriere della Sera. "La comunità del Pd è molto matura e consapevole. Ci chiede scelte di serietà e responsabilità perché l'Italia è ferma, isolata in Europa, senza nuove infrastrutture e con tasse troppo alte. Noi chiediamo un programma condiviso - aggiunge Romano -con profonda discontinuità nelle scelte e un visibile rinnovamento nei protagonisti". "Tutela dei diritti umani, riduzione della pressione fiscale per i redditi medio-bassi, politiche per il lavoro. Auspico una convergenza del M5S su questi temi - conclude l'esponente dem - e sono pronto a votare la fiducia a questo governo. Inoltre oggi possiamo isolare Salvini, e non è poco".