Gozi: "Goulard vittima di regolamento conti"

webinfo@adnkronos.com

Sylvie Goulard "è stata vittima di un regolamento di conti, è stata bocciata per dei giochi politici di cui l'Europa non ha alcun bisogno". Sandro Gozi, eletto al Parlamento europeo con la lista di En Marche, dove entrerà dopo la Brexit, commenta così con l'Adnkronos la clamorosa bocciatura della candidata francese alla Commissione europea, con la delega per il Mercato interno e l'Industria della difesa.  

"C'era una voglia di rivalsa" nei confronti di Emmanuel Macron, accusa Gozi, una voglia di rivalsa che "non ha alcuna ragion d'essere, perché credo che il dovere di tutti nelle istituzioni europee sia quello di fare le scelte migliori per rilanciare l'Europa". E invece, secondo l'ex sottosegretario agli Affari europei, "la procedura è stata presa in ostaggio per regolare dei conti, un atteggiamento che non mi pare sia all'altezza delle richieste dei cittadini, che vogliono che lavoriamo per riformare l'Ue". 

"Questo gioco, che potrebbe essere nefasto, va stoppato subito", continua Gozi, sottolineando tra l'altro come la Goulard, il cui nome era considerato "formidabile", avesse tutte le competenze necessarie, "non è mai stata attaccata per questo". Adesso bisogna "prendere atto di questa decisione e capire come si possa ripartire rapidamente, perché noi vogliamo che la Commissione von der Leyen abbia il più ampio consenso possibile". In ogni caso, chiarisce, "il portafoglio dato alla Francia deve rimanere".