Grana Padano tra i promotori del Festival del Cammino

Red/Apa

Roma, 19 set. (askanews) - Nel 1135 la storia del Grana Padano iniziò nell'abbazia cistercense di Chiaravalle, alle porte di Milano. E lì, ancora oggi, scrive pagine suggestive, a consolidare il legame indissolubile tra il suo territorio e il prodotto a denominazione d'origine protetta più consumato nel mondo, con 4.932.996 forme prodotte nel 2018 e 3.217.074 già lavorate nei primi sette mesi del 2019 e con ben 1.938.328 forme destinate lo scorso anno all'export.

Grana Padano DOP è ogni giorno nella Bottega e nel Ristoro dei monaci, eredi dei confratelli che crearono il "caseus vetus" per sfamare soprattutto i poveri, poi amato sulle tavole anche dei principi e oggi in case e locali in Europa, America e Asia.

Domenica 22 settembre Grana Padano DOP sarà tra i promotori del Festival del Cammino, un percorso di sei chilometri con partenza ed arrivo all'Abbazia, che dalle 14 porterà i partecipanti all'interno del Parco Agricolo Sud, dove saranno illustrati vari luoghi, dal Parco della Vettabbia al Depuratore di Nosedo e Nocetum.

Dopo una merenda con Grana Padano DOP e prodotti dei monaci, esperti della Cooperativa Koinè guideranno la visita all'Abbazia, soffermandosi in particolare nella chiesa, nel magnifico chiostro e nell'edificio dell'antico mulino.(Segue)