Grand Canyon, trovate impronte del primo animale che ci ha camminato

grand canyon impronte

Oltre trecento milioni di anni fa, un rettile simile a una lucertola correva sulla sabbia bagnata nel Grand Canyon, in Arizona. Ventotto delle sue impronte sono state recentemente scoperte dopo che una roccia è caduta e si è spaccata sul Bright Angel Trail. A vederle per primo, un gruppo di studenti di paleontologia, il quale ha subito informato Stephen Rowland dell’Università del Nevada, a Las Vegas.

Rowland, insieme al geologo Mario Caputo, della San Diego State University della California, si è immediatamente recato nel Grand Canyon per studiare le impronte. La coppia di scienziati ha scoperto che le impronte camminavano in modo da fare un passo laterale piuttosto che dritto. Tracce simili sono state scoperte in Scozia e si stima che siano state lasciate più o meno contemporaneamente alle tracce in Arizona, circa 310 milioni di anni fa. Oggi si ritiene che queste siano le più antiche testimonianze fossili di un animale terrestre a quattro zampe nel Grand Canyon.

grand canyon impronte

Grand Canyon, impronte del primo animale

I fossili nel Grand Canyon non sono una novità, ma la maggior parte riguardano creature acquatiche, insetti o vita vegetale. Stando a quanto riportato dal sito thevintagenews.com, nel Marzo del 1927 un ranger del parco, G.F. Robusta, consegnò diverse pietre a Washington DC, contenenti tracce di un’antica lucertola che si ritiene avesse trentacinque milioni di anni. All’epoca, datare le rocce non era così preciso come lo è ora quindi è possibile che siano molto più vecchie.

Il parco è pieno di fossili di conchiglie di crinoidi e brachiopodi, di impronte di millepiedi e scorpioni di circa 120 milioni di anni fa. Impressioni lasciate da foglie, piante di equiseto e alberi di ginkgo si trovano nell’Eremita Scisto, uno strato di roccia nel Canyon. Le stromatoliti, simili a pezzi di legno, si sono formate oltre centomila anni fa da strati di batteri con sedimenti nelle acque poco salate e salate.

Ci sono molte grotte e pozzi che contengono fossili e ossa rinvenuti. La maggior parte di essi però sono chiusi al pubblico a causa di precedenti danni turistici. Lo scheletro di un bradipo vissuto undicimila anni fa, così come le ossa e i gusci delle uova degli uccelli Condor, sono stati trovati nelle grotte. Tracce di fossili come impronte di conchiglie o di insetti sono comuni quasi in tutto il Grand Canyon.

La più antica formazione rocciosa esposta nel Grand Canyon è Elves Chasm, che si è formata oltre 1,5 miliardi di anni fa. In cima a queste antiche rocce ignee e metamorfiche, i sedimenti depositati nel corso di milioni di anni si sono lentamente trasformati negli splendidi strati di arenaria che formano i due terzi superiori del Canyon.

grand canyon impronte

Grand Canyon, presenti molti fossili

515 milioni di anni fa, il Canyon si trovava sotto un mare poco profondo di acqua fangosa e salata mentre si formava lo scisto. Circa tre milioni di anni dopo, diversi corsi d’acqua attraversavano le pianure. Libellule, altri insetti e rettili vivevano tra erbe e felci mentre l’arenaria rossa si mescolava con limo e fango.

Lo strato più recente di arenaria è iniziato a formarsi circa duecentosettanta milioni di anni fa. All’epoca, i continenti non erano ancora entrati nelle formazioni separate che conosciamo oggi. Alla fine si creò un fiume che snodandosi attraverso l’area ha eroso in milioni di anni limo, calcare, arenaria, scisto e granito fino a realizzare l’abisso che vediamo oggi. Il National Park Service persegue coloro che scavano, rimuovono o addirittura prendono i fossili.