Grandinata a Castelnuovo don Bosco: strade imbiancate, ruspe al lavoro

grandinata castelnuovo

Nel pomeriggio di domenica 11 agosto una violenta grandinata si è abbattuta sul Piemonte, in particolare nella zona di Castelnuovo don Bosco. Le vie del piccolo paesino del fondatore dei salesiani si sono imbiancate, come spesso accade di inverno. La differenza è che al posto della neve, le strade si sono riempite di chicchi ghiacciati. Da via Guglielmo Marconi (via principale del centro) fino alle strade secondarie. Per liberare la carreggiata sono dovute intervenire alcune ruspe. La grandinata record, inoltre, ha colpito moltissimi comuni dell’Astigiano: tra questi anche Armengo e Cocconato. Infine, si sono registrati danni anche a Freisa, Malvasia e alle colture di mais.

grandinata piemonte

Maltempo a Castelnuovo don Bosco

Dopo il violento nubifragio che ha colpito il territorio di Chieri, anche la zona situata a nord di Asti (che comprende i piccoli comuni di Mondonio Torinese, Castelnuovo Don Bosco e Pino d’Asti, Aramengo, Cocconato) è stata colpita dal maltempo. In particolare una grandinata record ha causato numerosi disagi sulle strade e ha danneggiato alcune colture a Castelnuovo Don Bosco. I chicchi sono caduti copiosi e in pochissimi minuti distruggendo gran parte delle colture di mais, dei vitigni di Freisa e Malvasia e intasando tombini e condotti. Sono stati segnalati anche allagamenti in villette, cantine e garage. Molte auto sono rimaste danneggiate e cozzate dalla grandine: alcuni parabrezza sono stati sfondati. Infine, un tetto è stato scoperchiato dalla potenza del vento unito alla grandine e al temporale.

Via Marconi, simbolo della grandinata

La via centrale del paese di Castelnuovo don Bosco, via Marconi, è diventata il simbolo della copiosa grandinata che ha colpito l’Astigiano. Infatti, nelle immagini diffuse sui social si vedono chiaramente le strade ricoperte di bianco, come se una nevicata fosse arrivata in pieno agosto. Dal pomeriggio di ieri, 11 agosto, numerosi ruspe sono intervenute per il borgo antico per liberare le strade e permettere il passaggio delle auto. Infine, nella strada che conduce al cimitero di Castelnuovo, un albero è precipitato al suolo (come era già successo a Bardella e Ranello).