Grant e Covid-19: "Non sentivo niente ed ero disperato"

·1 minuto per la lettura
Hugh Grant Coronavirus
Hugh Grant Coronavirus

Hugh Grant, che ha rivelato di essersi sottoposto al test sierologico per il Coronavirus (risultando positivo agli anticorpi) ha dichiarato di esser stato colpito dal virus durante la prima ondata, a febbraio, e ha raccontato la sua esperienza a tal proposito.

Hugh Grant: il Coronavirus

Anche Hugh Grant ha avuto il Coronavirus, ma lo avrebbe saputo con certezza solo quando si è sottoposto al test sierologico (che ha confermato per lui la presenza degli anticorpi). A detta dell’attore i sintomi avrebbero iniziato a manifestarsi all’inizio di Febbraio, quando con sua moglie Anna Eberstein ha osservato un periodo di isolamento in attesa di guarire:

“Tutto ha avuto inizio con enormi sudate, davvero imbarazzanti. Ero letteralmente un bagno di sudore. Ho iniziato a sentire gli occhi pulsare: erano effettivamente due, tre volte più grandi e gonfi del normale. E ricordo perfettamente la sensazione di oppressione sul petto, come se un uomo pesantissimo si fosse seduto esattamente sopra il mio torace”, ha raccontato Hugh Grant, che a seguire – col suo solito humor inglese – ha dichiarato che la malattia lo avrebbe privato dell’olfatto e che per questo si sarebbe spinto ad annusare praticamente qualsiasi cosa: “Ho iniziato ad annusare tutto quello che mi capitava a tiro – fiori, bidoni della spazzatura – e non sentivo niente ed ero così disperato che avrei volentieri annusato le ascelle degli estranei pur di sentire qualcosa”, ha dichiarato. L’attore negli scorsi mesi – e anche prima – si è pubblicamente scagliato contro il premier Boris Johnson, anche lui risultato positivo al virus durante la prima ondata.