Grassi (Confindustria Campania): "Serve riduzione cuneo fiscale"

webinfo@adnkronos.com

"L’auspicio, in generale, è che la manovra sia realizzata con una sensibile riduzione del cuneo fiscale e preveda una marcata inversione di tendenza nell’intervento pubblico in conto capitale, con particolare attenzione per il Mezzogiorno". Così, intervistato da Adnkronos/Labitalia, il presidente di Confindustria Campania e di Unindustria Napoli, Vito Grassi, sulla manovra economica allo studio del governo. 

Secondo Grassi, "le risorse dovrebbero essere rinvenute con una razionalizzazione della spesa pubblica corrente e con la lotta all’evasione fiscale, che non è un’utopia, come dimostrano esperienze di altri Paesi e gli stessi risultati di strumenti adottati di recente, come la fatturazione elettronica". 

"Nessuno può augurarsi un incremento dell’Iva così generalizzato senza valutare una strategia mirata", sottolinea Grassi. 

E per Grassi, con l'ipotesi di aumenti dei dazi da parte degli Usa, "Naturalmente, l'effetto sarebbe negativo, soprattutto per quei comparti, come l'agroalimentare, l'abbigliamento, l'aerospazio e l'automotive, che nel Sud Italia hanno relazioni proficue e consolidate con il mercato statunitense e sono testimonial di primo livello del Made in Italy", conclude.