Gratta e Vinci, due operai vincono 5 milioni con Maximiliardario

Gratta e Vinci 5 milioni

Ammonta a 5 milioni di euro la vincita di due operai abruzzesi derivata da un Gratta e Vinci Maximiliardario. Stando alle dichiarazioni della proprietaria della tabaccheria dove è avvenuta la vendita, sarebbero due operai impegnati nella ricostruzione post-sisma.

Gratta e Vinci, vinti 5 milioni

I due ragazzi avevano deciso di investire 10 euro a testa per l’acquisto di tre Gratta e Vinci, ma solo uno di questi, un Maximiliardario, è risultato vincente. Abbastanza però da non far pentire gli acquirenti, vista l’alta somma a cui ammonta la vincita che è anche la massima raggiungibile con quel biglietto.

Questo è stato giocato presso la Tabaccheria Cosciotti di Dina D’Alonzo, figlia del sindaco di Crognaleto (Teramo). L’annuncio della vincita è stato dato direttamente da lei sull’account Facebook dell’attività. Questo ciò che ha scritto: “Oggi è un giorno speciale! Vinti al Bar Cosciotti CINQUE MILIONI ei EURO!!!“.

Il sindaco Giuseppe D’Alonzo ha espresso grande gioia per il fatto che i soldi siano andati nelle tasche di brava gente. Anche se ha aggiunto un “peccato che sono soldi degli italiani che se ne andranno fuori dall’Italia“. Questa vincita rimane una tra le più alte mai registrate in Abruzzo dopo quella di Chieti, avvenuta nel 2016 e pari allo stesso valore.

Stando a quanto dichiarato dalla figlia, i due fortunati potrebbero essere impiegati in una ditta attualmente impegnata nella ricostruzione post sisma, anche se naturalmente non ha fornito ulteriori informazioni.