Grave errore per due ragazze

·2 minuto per la lettura
AstraZeneca
AstraZeneca

Errore nella somministrazione del vaccino per due ragazze di 23 anni di Imperia. Hanno ricevuto una dose di AstraZeneca invece che Pfizer. Verranno monitorate nei prossimi quindici giorni dal personale dell’Asl 1.

AstraZeneca al posto di Pfizer: errore nella somministrazioni

Due ragazze di 23 anni hanno ricevuto una dose di vaccino sbagliato. É accaduto nella giornata di ieri, 17 giugno, al Palasalute di Imperia. Le due ragazze hanno ricevuto una dose di vaccino AstraZeneca invece che di Pfizer. Al momento le due giovani donne stanno bene. Nei prossimi quindici giorni le condizioni di salute verranno monitorate dal personale dell’Asl 1 che, tramite un’inchiesta interna, sta cercando di capire come sia avvenuto questo errore nella somministrazione del vaccino.

AstraZeneca al posto di Pfizer: gli accertamenti

Le due ragazze si sono rese conto che avevano ricevuto il vaccino sbagliato leggendo il certificato rilasciato dopo il vaccino. “Stiamo compiendo accertamenti per capire cosa è successo. Fatti del genere non dovranno più accadere” hanno spiegato dalla Asl. Probabilmente verranno presi dei provvedimenti nei confronti di chi ha commesso l’errore, se dovesse essere confermata una negligenza evidente. Al momento sono in corso tutti gli accertamenti per comprendere quello che è accaduto. Dovranno anche cercare di capire quale vaccino somministrare alle due ragazze come seconda dose.

AstraZeneca al posto di Pfizer: errori di somministrazione

Due ragazze di 23 anni hanno ricevuto una dose di AstraZeneca al posto di Pfizer. Si è trattato di un errore di somministrazione e se ne sono accorte solo leggendo il certificato rilasciato dopo il vaccino. Le loro condizioni di salute saranno monitorate per quindici giorni dalla Asl 1. Non è il primo errore commesso in questi mesi. Sono stati scambiati i vaccini in altre occasioni e alcune volte sono state somministrate molte più dosi del dovuto. L’errore commesso in questa occasione è molto grave, perché il vaccino AstraZeneca è stato ufficialmente vietato agli over 60. Sono stati bloccati anche gli open day per i ragazzi, soprattutto dopo la morte di Camilla Canepa, ragazza di 18 anni di Sestri Levante, e altri casi di trombosi associata alla somministrazione del vaccino avvenuti negli ultimi tempi.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli