Gravina: "Capisco i tifosi, ma non si può aspettare il vaccino"

In una lunga intervista a Il Romanista, Gravina si è soffermato su tanti temi. Sulla ripartenza, il numero uno della FIGC è stato chiaro: "Capisco i tifosi, ma non si può aspettare il vaccino. Non volevamo prenderci degli scemi".

Sulla protesta ultras, Gravina ribatte: "Non è così, il calcio riparte perché è una speranza per tutto il Paese. I tifosi hanno ragione e li capisco, ma come si può pensare che mentre tutto il Paese riparte il calcio stia fermo, ripartendo poi ad agosto o settembre?".