Gravina "Manca l'ultimo tassello, spero stadi aperti a luglio"

Redazione

ROMA (ITALPRESS) - "Una vittoria di tutti". Con Juventus-Milan, il calcio italiano e' finalmente ripartito. Un risultato insperato fino a qualche settimana fa e arrivato grazie al lavoro soprattutto di Gabriele Gravina, che non ha mai mollato la presa.

"Equilibrio, coerenza e dialogo hanno portato a centrare un obiettivo importante per tutti - racconta il presidente della Figc ai microfoni di 'Deejay Football Club' su Radio Deejay - Ieri e' arrivato anche l'ultimo piccolo tassello che serviva per fugare qualsiasi tipo di dubbio sulla prospettiva di definizione dei nostri campionati e sono particolarmente contento di questo", il riferimento all'alleggerimento della norma sulla quarantena che minava la possibile conclusione della stagione. Nel vedere rotolare la palla allo Stadium "sono riuscito a gioire. E' una strana coincidenza: ieri avremmo dovuto inaugurare l'Europeo a Roma con Italia-Turchia. Ma la ripartenza del calcio italiano e' motivo di grande orgoglio per tutto il movimento sportivo". Ma Gravina guarda ancora avanti: "Manca ancora un ultimo tassello, una cosa che mi sta a cuore: la partecipazione dei tifosi, che spero avvenga in tempi molto rapidi". Il presidente federale e' abbastanza ottimista a riguardo. "Mi auguro che gli stadi possano riaprire ai primi di luglio, nella prima settimana o al massimo entro la meta' di luglio. Significherebbe che il nostro Paese ha buttato via gli ultimi blocchi, le ultime restrizioni, uscendo da questo momento buio".

(ITALPRESS).

glb/gm/red