Graziano Delrio: "Seguire Renzi se uscirà dal Pd? No, morirò Dem"

Corriere della Sera

"Minniti farà la sua valutazione personale e la rispetteremo, come è stato quando ha deciso di dare la sua disponibilità per le primarie. È una scelta che dipende da lui. Ma Renzi ha chiesto di rimanere fuori dal congresso". Così in un'intervista al Corriere della Sera Graziano Delrio del Pd. "Io sono testardo e guardo i fatti. A oggi non c'è stata nessuna dichiarazione di divisione del Pd. Lavoriamo tutti per l'unità e vogliamo che tutte le personalità del Pd, da Renzi a Gentiloni, da Zingaretti a Bonaccini a Martina, siano in una stessa comunità. Il nemico è fuori di noi, non dentro di no - ha aggiunto - Se Renzi uscirà dal Pd lo seguirò? Spero non accada. Ma io sono entrato in politica per costruire il Pd sull'onda dell'Ulivo e morirò orgogliosamente democratico".

"Io penso che ci si unisce sulla base delle cose che si vogliono fare per la gente. Sono assolutamente contrario a semplificare, come se la crisi della sinistra dipendesse da una persona, cioè da Renzi. Questo non mi trova d'accordo, la crisi è a livello mondiale. Bisogna ritrovare la direzione giusta. Non basta la rimozione di una persona perché il centrosinistra ritorni vincente", ha concluso l'ex ministro.


Continua a leggere su HuffPost