“Grazie ad Alberto Angela, dopo 75 anni, ho riconosciuto in un murales il nazista che voleva portare via mia madre”

Selene Gagliardi

"Sono sicura, non può trattarsi che di lui: l'uomo ritratto nel murales di una villa a Broccostella e mostrato da Alberto Angela in tv è il militare nazista che 75 anni fa, durante la Seconda guerra mondiale, tentò di rapire mia madre davanti ai miei occhi". Lo sguardo della tenera Anita non lascia trapelare alcun segno di incertezza quando decide di raccontarci la sua storia. A 7 decenni di distanza, infatti, una puntata di Ulisse: il piacere della scoperta ha finalmente diradato (benché solo parzialmente) un enigma che questa lucida e spigliata 80enne di Caira portava dentro di sé da troppo tempo: cercare di identificare quel soldato tedesco che nel 1944 avrebbe potuto rovinarle la vita, ancora più di quanto non stesse già facendo la guerra.

Nonostante sia passato così tanto tempo da quando Anita Nardone venne costretta a portare in giro i suoi piedini di appena 5 anni tra le macerie del bombardamento di Cassino per trovare una nuova casa, la bambina spaventata di allora è tornata improvvisamente a galla – con tutto il suo bagaglio di tremende memorie – in una sera di fine estate, quando il telecomando della tv di casa si è fermato su Rai 1 per lasciar scorrere le immagini di un Alberto Angela intendo a raccontare della battaglia di Montecassino. Tra video di repertorio e spiegazioni in loco, alla fine il divulgatore ha mostrato, per la prima volta in assoluto, dei graffiti da poco ritrovati in una villetta del Cassinate, raffiguranti – con una precisione fisiognomica impressionante – dei miliari tedeschi che abitarono quei luoghi nel periodo bellico, in fuga dagli Alleati. Il cuore di Anita, di fronte a quei disegni, ha smesso di battere per un attimo: era lui, proprio l'uomo che rischiò di tramutare in tragedia lo sfollamento della sua famiglia, tentando di portare via la madre.


Del resto, qualsiasi sia la nazione, qualunque il periodo storico, sotto qualsivoglia regime o assetto politico ci si trovi, l'esperienza della guerra –...

Continua a leggere su HuffPost