Grecia, polemiche sui nuovi campi per migranti

·1 minuto per la lettura

Polemiche per il primo dei cinque nuovi campi per migranti in Grecia. E’ stato aperto sull’isola di Samo, Secondo gruppi per i diritti umani le rigide misure di accesso sono troppo restrittive. Ci sono recinzioni di filo spinato, telecamere di sorveglianza, scanner a raggi X.

L’Unione europea ha stanziato 276 milioni di euro per i nuovi campi nelle cinque isole greche dell’Egeo che accolgono la maggior parte degli arrivi di migranti via mare provenienti dalla vicina Turchia.

Il campo di Samo, che fungerà da “progetto pilota” per le altre strutture ad accesso chiuso e controllato, è dotato di un centro di detenzione che sarà accessibile solo tramite chip elettronico. I cancelli rimarranno chiusi di notte.

Il campo sull’isola di Lero dovrebbe essere finito nel mese di ottobre mentre a Lesbo, sede del noto campo di Moria, il campo più grande d’Europa e distrutto da un incendio l’anno scorso, i lavori devono ancora iniziare.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli