Grecia, prete aggredisce con l’acido sette porporati durante un’udienza disciplinare

·2 minuto per la lettura
Aggressione
Aggressione

In Grecia, un sacerdote di 36 anni ha aggredito con l’acido sette vescovi che si erano riuniti per valutare una sua eventuale estromissione dalla Chiesta greco-ortodossa: si sospettava, infatti, un coinvolgimento dell’uomo in un traffico di stupefacenti.

Atene, sacerdote attacca con l’acido i vescovi che volevano espellerlo dalla Chiesa

Nel pomeriggio di mercoledì 23 giugno, ad Atene, un sacerdote si è recato a un’udienza disciplinare convocata per decidere se procedere o meno alla sua estromissione dalla Chiesa greco-ortodossa poiché sospettato di spaccio di stupefacenti.

In questo contesto, poco dopo il suo arrivo, il religioso ha assalito con dell’acido sette vescovi che erano presenti alla riunione. Il gesto del 36enne è stato prontamente comunicato alle forze dell’ordine che si sono recate sul posto e hanno provveduto ad arrestare l’uomo.

Il luogo d’incontro scelto per l’udienza disciplinare per esaminare la possibilità di spoliazione del parroco era il monastero di Petraki, situato nel cuore di Atene e sede del Sinodo della Chiesa greco-ortodossa.

Sulla base delle informazioni diramate dall’agenzia di stampa Ana, invece, l’accusa rivolta al sacerdote consisteva in una sua presunta implicazione in un traffico di droga. I media locali, infatti, asseriscono che il 36enne era stato sorpreso in possesso di 1,8 grammi di cocaina nel mese di giugno 2018.

Atene, sacerdote attacca con l’acido i vescovi che volevano espellerlo dalla Chiesa: i feriti

In seguito all’aggressione, tra i sette vescovi riuniti al monastero Petraki per l’udienza disciplinare, tre porporati sono stati portati in ospedale e ricoverati per le gravi ustioni al volto causate dall’acido.

Uno degli ecclesiastici, in particolare, dovrà affrontare un intervento di chirurgia plastica, secondo quanto annunciato da Vassilis Kikilias, ministro della Salute greco che ha fatto visita ai vescovi dopo il loro ricovero.

Il trasferimento in ospedale si è reso necessario anche per la guardia che è riuscita a intercettare e neutralizzare il sacerdote in fuga all’uscita del monastero, riportando però svariate ustioni da acido.

Atene, sacerdote attacca con l’acido i vescovi che volevano espellerlo dalla Chiesa: le indagini

Il caso è stato affidato alle massime cariche delle Stato in materia di legge e giustizia che si stanno occupando di chiarire le dinamiche che hanno provocato il tragico e oltraggioso evento.

Al contempo la presidente Katerina Sakellaropoulou ha duramente condannato l’aggressione perpetrata dal sacerdote 36enne ai danni dei sette vescovi e della guardia mentre il premier Kyriakos Mitsotakis ha incontrato il primate della Chiesa greco-ortodossa e arcivescovo di Atene, Geronimo II, garantendo: “Lo Stato offrirà tutta l’assistenza medicanecessaria per una pronta guarigione dei vescovi”.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli