Green pass: cambiano le regole per salire su treni e taxi

·2 minuto per la lettura
REUTERS/Yara Nardi
REUTERS/Yara Nardi

Cambiano le regole per salire su treni e taxi. Il ministro della Salute, Roberto Speranza, e il ministro del Lavoro, Enrico Giovannini, hanno firmato un'ordinanza dove si prevede che il possesso del Green pass dovrà essere verificato prima di salire a bordo dei treni, e non dopo come avvenuto fino ad ora. Per quanto riguarda, invece, i taxi e il servizio Ncc, sui sedili posteriori non potranno sedersi più di due persone, se non parenti.

LEGGI ANCHE: Terza dose vaccino, Palù: "Altissima efficacia contro infezione"

L'ordinanza è stata pubblicata sul sito del ministero dei Trasporti e prevede "un costante confronto tra datori di lavoro e il Comitato per l'applicazione e la verifica delle regole contenute nel protocollo, anche sulla possibilità di attivare punti di vaccinazione nei luoghi di lavoro".

GUARDA ANCHE IL VIDEO: Covid, cosa sono i vaccini proteici?

LEGGI ANCHE: Sequestrati ai No Vax pugnali, balestra, acido. Verso chiusura dei canali Telegram

Per i taxi e il servizio Ncc si prevede che "i sedili posteriori non devono essere occupati da più di due passeggeri, se non sono componenti dello stesso nucleo familiare, e all'interno del veicolo è possibile installare paratie divisorie tra conducente e passeggero". 

LEGGI ANCHE: Natale 2021: le misure che adotteranno i sindaci italiani per contrastare il Covid

L'ordinanza prevede poi novità anche per il settore marittimo e portuale. In particolare, si legge nel documento, "è necessario evitare quanto più possibile i contatti tra il personale di terra e il personale di bordo e comunque è raccomandata la distanza interpersonale di almeno un metro. Per il personale e i passeggeri è previsto l'obbligo della mascherina. Nel settore del trasporto merci il protocollo aggiornato conferma che, se sprovvisti di mascherine gli autisti devono rimanere a bordo, mentre se scendono ed entrano in contatto con altri operatori dovranno indossare la mascherina. Le attività di carico/scarico delle merci devono avvenire in condizioni di sicurezza, con modalità che non prevedano contatti diretti tra operatori e autisti".

GUARDA ANCHE IL VIDEO: Vaccini Covid, perché fare la terza dose?

LEGGI ANCHE: Covid, Bassetti sulla terza dose: "In Italia siamo troppo lenti con le somministrazioni"

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli