Green pass, consigliera leghista: "E' come passaporto di Hitler"

·1 minuto per la lettura

"Il Green pass come il passaporto genealogico istituito da Hitler che certificava l'appartenenza alla razza ariana". A finire nella bufera per quanto scritto su Facebook è la leghista Franca Mattiello. L'esponente del Carroccio, secondo quanto scrive Il Gazzettino, se ieri non fosse mancato il numero legale sarebbe entrata a far parte del consiglio comunale di Vicenza. Quelle frasi ora rischiano di costarle care . "Parole così non sono degne di chi vuole ricoprire un ruolo di amministrazione - dice il commissario della Lega veneta, Alberto Stefani - Il Carroccio si dissocia e prenderà provvedimenti nei confronti della militante". Immediate le proteste dall'opposizione.

"In una delle regioni più colpite dal Covid e che ha pagato un prezzo altissimo di morti - sottolinea l'eurodeputata del Pd, Alessandra Moretti - il post negazionista rilanciato da Franca Mattiello è un oltraggio alle vittime oltre che alle decine di migliaia di professionisti che nelle istituzioni e nella sanità hanno speso l'ultimo anno e mezzo per salvare vite e aiutare le persone in difficoltà. Chi nega l'evidenza della pandemia e ostacola gli strumenti per affrontarla e superarla non è degno di ricoprire un ruolo pubblico", conclude.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli