Green Pass e nuovo decreto, l'Italia prova a ripartire dal 26 aprile

Luciana Matarese
·Giornalista
·2 minuto per la lettura
03/04/2021 Agrigento, controlli delle forze dell'ordine nel primo giorno di zona rossa. (Photo: Fabio Peoniafabio Peonia / AGF)
03/04/2021 Agrigento, controlli delle forze dell'ordine nel primo giorno di zona rossa. (Photo: Fabio Peoniafabio Peonia / AGF)

Da lunedì 26 aprile l’Italia prova a ripartire, allentando via via le restrizioni anti Covid. I protocolli inviati dalle Regioni con le misure per le riaperture però non sono stati ancora tutti esaminati dal Comitato tecnico scientifico, che, stando a quel che risulta ad HuffPost, nella riunione di oggi si è concentrato soprattutto sul certificato verde e che tornerà a riunirsi venerdì.

Il programma per riaprire, ossia il nuovo decreto, però, che già domani, mercoledì 21 aprile, potrebbe arrivare in Consiglio dei ministri è in buona parte definito.

Resta il coprifuoco dalle 22 alle 5, tornano le aree gialle, tra le quali si potrà circolare liberamente, mentre per uscire o entrare da e nelle zone arancioni o rosse servirà il certificato verde. Grande novità, il “green pass” del nuovo testo, già ribattezzato “decreto riaperture”, che dal 26 aprile resterà in vigore fino al 31 luglio, data di scadenza della proroga - che sarà inserita nel testo - dello stato di emergenza, per la quale oggi è arrivato anche il via libera del Comitato tecnico scientifico.

Il segretario della Lega, Matteo Salvini, promette battaglia per allungare il coprifuoco di un’ora, dalle 22 alle 23 - “Proporremo in Consiglio dei ministri e in Parlamento la riapertura anche delle attività al chiuso dai primi di maggio”, ha annunciato in serata - la bozza del nuovo dispositivo, oggi al centro del confronto tra Regioni e Governo, potrebbe ancora subire limature, ma l’impianto del testo è definito. E le misure principali sono passate al vaglio del Cts.

Come, per l’appunto, il “green pass”. Obbligatorio per gli spostamenti verso le zone arancioni o rosse. Le “autocertificazioni verdi serviranno a provare “lo stato di avvenuta vaccinazione o guarigione” dall’infezione da Covid,...

Questo articolo è originariamente apparso su L'HuffPost ed è stato aggiornato.