Green pass, era atteso negli alberghi ma difficoltà in vista di Natale

·1 minuto per la lettura

Con il decreto super green pass sono state scongiurate le chiusure ma aldilà di alcune criticità del provvedimento, "resta un quadro complessivo davvero difficile per gli alberghi italiani. Sul fronte del nuovo provvedimento è positivo che comunque il legislatore abbia riconosciuto l’albergo come un luogo presidiato e quindi a basso rischio con

L’introduzione del Green pass base negli alberghi italiani era, in qualche modo una misura attesa e serve a scongiurare le chiusure tuttavia gli albergatori lamentano "un quadro complessivo davvero difficile" ed inoltre la norma "determina alcune complessità che speriamo siano chiarite e superate al più presto" dichiara Maria Carmela Colaiacovo, presidente di Associazione Italiana Confindustria Alberghi.

In particolare Colaiacovo pensa "in primis al tema dei bambini poiché c’è il timore che l’apertura della campagna vaccinale per i ragazzi dai 5 agli 11 anni possa comportare, anche per loro, l’applicazione in automatico dell’obbligo di Green pass" e con le festività natalizie le famiglie che vogliono trascorrere qualche giorno di vacanza potrebbero trovarsi con la difficoltà, per i bambini più piccoli, di dover affrontare un tampone ogni 2 giorni".

Per Asshotel-Confesercenti inoltre, ora però, sarebbe "opportuna una revisione del rigido sistema dei protocolli di somministrazione, concepito nel maggio 2020, quando non c’era ancora né vaccino né certificazione verde” afferma Nicola Scolamacchia, vice presidente vicario di Assohotel. “Con tutti gli ospiti muniti di Green pass, mascherina quando si è in piedi davanti al buffet, procedura di sanificazione delle mani con gel (presente al buffet) e distanziamento, è ora di tornare alla modalità self service abolendo il buffet servito.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli