Green pass esteso a trasporti e aziende: l’ultima arma prima di decidere sull’obbligo vaccinale

·1 minuto per la lettura
Green pass trasporti
Green pass trasporti

Il governo si sarebbe dato un mese di tempo per decidere sull’obbligo vaccinale, non prima di aver esteso l’utilizzo del green pass: l’ipotesi è infatti che la certificazione verde venga resa obbligatoria per i lavoratori a contatto con il pubblico, i mezzi di trasporto pubblico locale e i luoghi di lavoro privati.

Green pass per trasporti e aziende

L’idea che avrebbe in mente l’esecutivo è quella di imporre un’accelerazione sul terreno del passaporto vaccinale con l’obiettivo di convincere quante più persone possibili a vaccinarsi senza introdurre un obbligo vero e proprio. I settori a cui si sta pensando sono sostanzialmente tre: i dipendenti pubblici, che si vorrebbe riportare in gran parte a lavorare in presenza, i dipendenti di luoghi di lavoro privati che lavorano in ambienti chiusi e i mezzi di trasporto pubblico locale. A partire dal primo settembre scatterà l’obbligo di green pass per quelli a lunga percorrenza, ma il governo sarebbe intenzionato a disporlo per tutti.

Green pass per trasporti e aziende prima dell’obbligo vaccinale

Già l’annuncio di nuove misure, che diventeranno legge nel giro di alcune settimane, dovrebbe dare una spinta alla vaccinazione. Ad ottobre poi si tireranno le somme e si valuterà se sarà ancora necessario disporre l’obbligo vaccinale. Stando ai dati attuali, per tagliare il traguardo dell’80% di over 12 immunizzati con almeno una dose (43,2 milioni di persone) serviranno circa tre settimane. A fine settembre l’Italia dovrebbe quindi vantare 44-45 milioni di vaccinati, pari a circa l’83% del totale. Il vaccino obbligatorio potrebbe essere valutato nel caso in cui si dovesse restare sotto questa soglia.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli