Green pass europeo, si può viaggiare senza?

·3 minuto per la lettura

Green pass covid europeo per circolare in sicurezza in Ue. Ma se il certificato verde covid non arriva, si può viaggiare senza? La risposta è sì, ma per un tempo limitato.

Secondo le Faq pubblicate dal governo, fino al 12 agosto sarà possibile viaggiare in Europa anche senza Certificazione verde, ma esibendo le certificazioni di completamento del ciclo vaccinale, di guarigione o di avvenuto test rilasciate dalle strutture sanitarie, dai medici e dalle farmacie autorizzate. Per tali certificazioni valgono gli stessi criteri di validità e durata della Certificazione verde.

La certificazione relativamente al completamento del ciclo vaccinale deve riferirsi in ogni caso ad uno dei quattro vaccini approvati dall’Agenzia europea per i medicinali (EMA): Comirnaty di Pfizer-BioNtech, Moderna, Vaxzevria (AstraZeneca), Janssen (Johnson & Johnson).

Attenzione però: se in Italia basta (almeno per ora) la sola prima dose per ottenere il Green pass, non in tutti i Paesi d'Europa avviene lo stesso.

Secondo la Commissione Europea, come spiegato nelle Faq pubblicate nella versione inglese del sito, al momento sono gli Stati membri a decidere se accettare un certificato di vaccinazione dopo una dose o dopo il completamento dell'intero ciclo di vaccinazione. In Italia ad esempio, dove il Pass viene rilasciato dopo 14 giorni dalla prima somministrazione, si discute ora dell'ipotesi di una rimodulazione della certificazione a causa della variante delta e non è escluso che le modalità di rilascio possano cambiare in breve tempo.

A questo proposito, la Commissione Ue sottolinea come "i certificati saranno rilasciati a qualsiasi persona che abbia ricevuto una vaccinazione COVID-19 in uno Stato membro dell'UE, indipendentemente dal numero di dosi. Il numero di dosi sarà chiaramente indicato nel certificato digitale COVID UE per indicare se il corso di vaccinazione è stato completato. Inoltre - si legge ancora -, il regolamento impone agli Stati membri di accettare i certificati di vaccinazione alle stesse condizioni", e cioè che "ad esempio, quando uno Stato membro decide di revocare le restrizioni di viaggio per i propri cittadini che hanno un certificato per la prima dose di un vaccino che ha ricevuto l'autorizzazione all'immissione in commercio in tutta l'UE e che ne prevede due, deve estendere lo stesso trattamento ad altri cittadini dell'UE".

Notizie più certe, invece, sulla doppia dose: il 31 maggio scorso, si legge ancora, la Commissione ha infatti "proposto agli Stati membri di revocare le restrizioni ai viaggi per le persone che sono completamente vaccinate (al più tardi 14 giorni dopo l'ultima dose) o guarite dal COVID-19 e che sono titolari del certificato digitale dell'UE per la COVID-19". Una proposta alla quale gli Stati Ue sono stati per altro invitati ad uniformarsi.

Spetta sempre agli Stati membri, inoltre, "decidere se somministrare solo una dose di un vaccino che preveda due dosi alle persone guarite" dal virus. In tal caso, si spiega "il certificato di vaccinazione deve indicare che il ciclo di vaccinazione è stato completato a seguito della somministrazione di una dose. La Commissione ha proposto che le persone che hanno ricevuto una singola dose di un vaccino a due dosi, dopo essere state precedentemente infettate da COVID-19, dovrebbero essere considerate completamente vaccinate ai fini del viaggio".

In sostanza, quindi, la Commissione Ue non impone che le vaccinazioni siano necessariamente due per consentire l'ingresso nei Paesi membri, ma di fatto lascia che siano gli stessi Paesi membri a decidere se sia necessaria una doppia somministrazione per entrarvi.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli