Green pass, Fedriga: spero portuali Trieste facciano passo avanti

·1 minuto per la lettura
Image from askanews web site
Image from askanews web site

Trieste, 14 ott. (askanews) - "Spero che dall'altra parte ci sia il buon senso perché dei passi avanti diciamo anche oltre il limite sono stati fatti, spero che ci siano anche dall'altra parte questi passi avanti, ovvero dal fronte della protesta". Così Massimiliano Fedriga, presidente del Fvg e della Conferenza delle Regioni.

"Questo lo dico - ha aggiunto Fedriga intervenendo alla trasmissione 'Oggi è un altro giorno' - perché facciamo del male a tutti se si va verso uno scontro frontale, facciamo del male a tutti quei lavoratori che magari lavorano in altri settori e che rischiano di veder penalizzata la loro attività lavorativa, la loro impresa che dà loro opportunità di lavoro. Per questo dico teniamo i nervi saldi". Fedriga ha proseguito osservando che "le istituzioni in questo momento non è che devono dimostrare di aver ragione perché assicuro tutti gli sforzi che anche la Regione ha fatto per combattere la pandemia, per dare risposte sanitarie non soltanto ai malati di Covid, anche a tutte quelle persone che in piena pandemia, magari avevano altre patologie, penso ai malati oncologici che non trovavano risposte nel sistema pubblico, porto qua tutte queste ragioni, ma le istituzioni hanno un obbligo: non quello di dimostrare di avere ragione, ma di trovare soluzioni".

Fedriga auspica che "la nostra capacità di dialogo sia superiore, però dall'altra parte ci deve essere capacità di dialogo; ma se la capacità di dialogo è "togliamo il green pass per tutti", si capisce che diventa difficile, non perché qualcuno si sia innamorato del green pass a prescindere, io spero che troviamo prima possibile una situazione di sicurezza e che il green pass diventi un ricordo. Però detto questo noi dobbiamo preservare la situazione che siamo riusciti a conquistare con lo sforzo di tutti i cittadini".

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli