Green pass, Francia vuole usarlo fino a estate 2022

·1 minuto per la lettura

Il governo francese vuole mantenersi "la possibilità di far ricorso" al green pass fino all'estate del 2022. Lo ha detto oggi il portavoce dell'esecutivo, Gabriel Attal, confermando che un progetto di legge in questo senso sarà presentato il 13 ottobre al Consiglio dei ministri.

"Abbiamo motivi per essere ottimisti", ha detto Attal, secondo il quale la Francia si sta avviando verso la fine della quarta ondata della pandemia di covid-19, con i "casi giornalieri diminuiti del 23% in una settimana". Ma "gli ultimi 18 mesi ci hanno mostrato che bisogna essere prudenti. Servono strumenti ancora per molti mesi in modo da poter ricorrere, se necessario, a mezzi per proteggere i francesi", ha spiegato. L'attuale provvedimento per il green pass scade il 15 novembre e dovrà essere rinnovato dal parlamento.

E a partire da domani il green pass sarà richiesto anche agli adolescenti a partire da 12 anni. Servirà, come già accade a tutti gli altri francesi, per accedere a trasporti a lunga percorrenza, bar, ristoranti, luoghi di divertimento, cinema, musei, palestre e piscine. Sono esenti gli sport in ambito scolastico.

La vaccinazione contro il covid-19 è stata aperta per gli adolescenti solo a metà giugno e per questo il parlamento ha deciso di rinviare a domani la richiesta di esibire il green pass per questa fascia d'età.

Secondo quanto riporta Le Figaro, citando i dati delle autorità sanitarie, alla data del 27 settembre risultavano vaccinati più di sette adolescenti su dieci: il 72,1% ha ricevuto almeno la prima dose e il 64% ha completato la vaccinazione.

Nelle ultime 24 ore, in Francia si sono registrati oltre 6700 contagi di covid-19 e 58 decessi.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli