Green pass: ipotesi multe fino a 400 euro a chi non ce l’ha e chiusura dei locali per 5 giorni

·1 minuto per la lettura
Green pass multe
Green pass multe

Il governo discutendo sulle misure di contenimento da inserire in un nuovo decreto da varare alla luce dell’aumento dei casi e alla diffusione della variante Delta: una possibilità è quella di rendere obbligatorio il green pass per entrare in tutti i luoghi pubblici a rischio assembramento con l’ipotesi di multe fino a 400 euro per chi non lo possiede.

Green pass: ipotesi multe fino a 400 euro

Il decreto dovrebbe avere il via libera del governo entro la fine della prossima settimana dopo che lunedì o martedì si terrà la cabina di regia con il Premier Draghi e forse giovedì il Consiglio dei Ministri.

Il provvedimento conterrà delle novità sulla certificazione verde, ottenibile da chi è guarito, vaccinato o negativo al Covid. Si sta infatti pensando di estenderne l’utilizzo ai luoghi pubblici dove è più difficile mantenere le distanze. Se i controlli dovessero far emergere cittadini che, all’interno di questi posti, non possiedono il pass, per loro dovrebbero scattare multe fino a 400 euro, ridotti a 260 se la sanzione viene pagata entro il quinto giorno. Cinque giorni di chiusura invece per i gestori dei locali.

Green pass, ipotesi multe fino a 400 euro: dove sarà obbligatorio

Posto che non c’è nulla di definitivo perché il decreto non è ancora stato discusso né approvato, i luoghi in cui sarà obbligatorio possedere il certificato potrebbero essere cinema, teatri o sale da concerto, palestre, discoteche, centri commerciali e stadi. Restano aperti i nodi trasporti e bar/ristoranti. La questione dei controlli resta comunque delicata perché per la privacy possono farli solo le forze dell’ordine.

In ogni caso, i gestori dei locali dovrebbero essere tenuti a verificare se i clienti sono in possesso del green pass.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli