Green pass Italia, Renzi: "Posizione Salvini è folle"

·2 minuto per la lettura

"Nel merito, la posizione di Salvini" sul green pass in Italia "è assurda, è folle. Poi: che Letta voglia togliere Salvini dal governo lo dice da mesi, che Salvini non ne voglia sapere è altrettanto vero, ma l'arbitro è Draghi". Matteo Renzi, leader di Italia Viva, a L'aria che tira risponde così alle domande sulle fibrillazioni legate al green pass nel governo: la maggioranza ha ritirato gli emendamenti, la Lega però alla Camera in più di un'occasione ha votato emendamenti di Fratelli d'Italia e, quindi, dell'opposizione. "Penso che Salvini non uscirà mai dal governo, lui per primo ha paura. Tutti si stanno accorgendo che con Draghi le cose vanno meglio, Salvini come Letta e altri preferiscono essere a favore di Draghi. Si sono convinti tutti", aggiunge Renzi.

Un altro tema sul tavolo è il reddito di cittadinanza. Renzi sostiene il referendum per la cancellazione. "Se non ci fosse stata la proposta di referendum oggi nessuno discuterebbe di reddito di cittadinanza. Anche questa andrà a pallino. Tutti lo difendevano ora più nessuno, piano piano torneranno le riforme del nostro governo", dice l'ex premier, convinto che "i 5 stelle non arriveranno al 2023, esploderanno prima. La notte di san Lorenzo dal punto di vista politico sarà il 2022. Conte non regge, se avesse avuto davvero la forza che dicono di avere si sarebbe candidato a Primavalle, invece è scappato". A Siena, invece, si candida il segretario del Pd, Enrico Letta, che non utilizza però il simbolo del partito. "Letta ha fatto una cosa logica con il simbolo, è candidato non solo del Pd, anche noi lo sosteniamo. Ha fatto la cosa giusta, se l'avessi fatto io mi avrebbero massacrato. Mi sento di difenderlo, ha fatto il simbolo giusto. Secondo me vince, se fossi senese voterei Letta".

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli