Green pass obbligatorio, Crisanti: "Non blinda ambienti dal covid"

·1 minuto per la lettura

Green pass obbligatorio per tutti i lavoratori dal 15 ottobre, ma per Il professor Andrea Crisanti, direttore del Dipartimento di medicina molecolare dell'università di Padova, il certificato verde "non è una misura sanitaria. E’ un fantastico strumento per indurre le persone a vaccinarsi, ma non è uno strumento che blinda gli ambienti dal covid. Le persone non possono dire ‘ho il green pass, faccio quello che voglio’: non è così. Israele dimostra che i vaccinati si infettano e trasmettono il virus", ha spiegato ieri sera a Piazzapulita dopo il varo del decreto da parte del governo.

"Se mettiamo i tamponi gratuiti neutralizziamo l’effetto del green pass: sono totalmente contrario al tampone gratuito. Il vaccino ha una capacità di protezione elevatissima e su grandi numeri ha un notevole impatto sulla trasmissione. Il tampone è una misura provvisoria: ci si può infettare il giorno dopo o ci si può infettare il giorno prima con una carica virale che il tampone, dopo 24 ore, non rileva", aggiunge Crisanti toccando altri temi. Come saranno i prossimi mesi? "L’inverno dipende dal numero di persone vaccinate, dalla protezione indotta dal vaccino e dall’eventuale sviluppo di varianti resistenti al vaccino".

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli