Green Pass obbligatorio, Salvini: "Non si può complicare la vita a italiani"

·1 minuto per la lettura

Green Pass obbligatorio dal 15 ottobre per i lavoratori del pubblico e privato. "Serve per aprire? Allora però non può complicare e rovinare la vita a milioni di italiani" ha detto Matteo Salvini a Diritto e rovescio. "Noi stiamo combattendo per i tamponi gratuiti: minori, disabili, anziani, se hai un certo reddito è lo stato che deve provvedere". "Io ringrazio i 40 milioni di italiani che hanno scelto di vaccinarsi, se altri per necessità, dubbi, problemi, scelta percorrono un'altra strada non li possiamo licenziare, frustare, chiudere in cantina. Il tampone è la maniera più sicura per individuare i positivi e focolai", ha spiegato il leader della Lega.

"In Europa ci sono 126 centrali nucleari", dice Salvini, perché non "pensare a un ritorno al nucleare che non è più quello di Chernobyl e dei disastri ma sicuro, pulito, a inquinamento zero. Mi pare stupido far pagare agli italiani più di tutti per dei no ideologici".

"Se la politica impone il Green Pass ai lavoratori, e addirittura a chi fa volontariato" sottolinea il leader della Lega "è ovvio che i politici devono essere i primi a rispettare queste regole, a partire dal Parlamento".

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli