Certificato verde per lavoratori statali e privati: giovedì il provvedimento

·1 minuto per la lettura
Decreto su green pass per i lavoratori
Decreto su green pass per i lavoratori

Dopo che le Regioni hanno dato il via libera all’estensione del green pass, tutti i lavoratori pubblici e privati dovranno possedere la certificazione verde per potersi recare sul luogo di lavoro: il nuovo decreto, atteso per giovedì, dovrebbe entrare in vigore a partire da metà ottobre.

Decreto su green pass per i lavoratori

Nonostante alcuni nodi da sciogliere legati agli enti di regolazione delle attività economiche, alle società partecipate e agli studi professionali, la decisione sembra ormai presa e dalla metà del prossimo mese (dal 10 o dal 15) occorrerà esibire il pass per entrare negli uffici e nelle fabbriche, sui mezzi di trasporto a lunga percorrenza o per guidare autobus e taxi.

I tecnici di Palazzo Chigi sono al lavoro per portare la bozza del testo alla cabina di regia guidata dal presidente del Consiglio Mario Draghi che dovrà decidere se fare due provvedimenti, uno per la pubblica amministrazione e successivamente un altro per le aziende private, oppure se far scattare subito il certificato per tutti.

Decreto su green pass per i lavoratori: chi riguarda

Oltre ai lavoratori di tutti gli uffici pubblici, dovranno possedere il green pass anche i dipendenti delle Agenzie del Demanio, delle Entrate, delle Dogane e dei Monopoli, delle Autorità indipendenti (Anac, Agcom, Garante per i dati personali etc.) degli enti pubblici, culturali, previdenziali, delle Federazioni sportive, delle controllate e delle partecipate.

Allo stesso modo dovranno munirsi di certificato i titolari e i dipendenti dei locali dove esso è già richiesto ai clienti, vale a dire bar, ristoranti, palestre, piscine, cinema, teatri, musei e sale giochi.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli